header - banner1

Anagrafe

Ufficio Anagrafe
Email: newyork.anagrafe@esteri.it
Tel.: (212) 439-8636
Chiuso il mercoledì.

L'UFFICIO RISPONDE ALLE TELEFONATE NELLA FASCIA ORARIA 14.30-16.00.

Domande frequenti: vedi in basso.


Ogni Comune italiano tiene un registro aggiornato dei suoi cittadini che risiedono all’estero (AIRE), così come ogni Consolato tiene uno schedario che cittadini che risiedono nella propria circoscrizione consolare (Anagrafe Consolare). Il Consolato svolge per il cittadino che risiede all’estero quelle funzioni che il Comune svolge per chi risede in territorio metropolitano.

A norma della Legge 470 del 27 ottobre 1988 i cittadini italiani che trasferiscono all’estero la propria residenza per un periodo superiore a 12 mesi devono darne comunicazione al Comune di ultima residenza prima della partenza o entro 90 gg dall’arrivo al Consolato competente territorialmente.

Per i residenti negli Stati di New York e Connecticut, detta dichiarazione deve essere resa presso il Consolato Generale d’Italia a New York oppure presso i Vice Consolati di Rochester, Buffalo, Hartford o Mineola, presentando i seguenti documenti:

  • Passaporto italiano valido per ognuno dei membri della famiglia;
  • Titolo legale di residenza negli USA (visto, Permanent Resident Card, passaporto USA o certificato di naturalizzazione se doppio cittadino);
  • Prova della residenza (bollette elettriche, telefoniche, comunicazioni bancarie, assicurative e contratto di lavoro).

La dichiarazione deve specificare l’ultimo Comune di residenza in Italia e i familiari conviventi con il dichiarante. Può essere fatta presentandosi di persona ovvero spedendo all'indirizzo del Consolato Generale a New York una scheda di rilevazione anagrafica e allegando copia dei documenti sopra indicati.
Il visto turistico USA (B1-B2) rilasciato per un tempo limitato non consente di stabilire la residenza o lavorare negli Stati Uniti. Pertanto tale visto non è di per sé valido ai fini dell'iscrizione all'AIRE.

Il cittadino residente all’estero deve, analogamente a quanto avviene in Italia, comunicare all’ufficiale di Anagrafe del Consolato, anche usando la scheda di rilevazione anagrafica, i seguenti cambiamenti ogni qualvolta essi si verifichino:

  • cambio di indirizzo;
  • variazione di stato civile (matrimonio, divorzio, vedovanza);
  • nascita di figli, adozioni

Una volta registrati, i cittadini italiani residenti possono usufruire di tutti i servizi consolari. Possono in particolare richiedere, tra l'altro:

  • atti di cittadinanza;
  • atti relativi alla leva militare;
  • rinnovo e rilascio del passaporto;
  • certificato doganale per il rimpatrio;
  • autentica di firme.

Si informa che gli schedari consolari NON hanno valore anagrafico;  gli uffici consolari NON possono pertanto rilasciare certificati di residenza ne' di stato di famiglia, ma solo certificazioni di iscrizione nello schedario, nelle quali si potra' comunque indicare che l'interessato risulta abitare all'indirizzo presente in schedario, nonche' quale risulta essere, sempre nello schedario, la composizione del nucleo familiare. Il certificato di residenza cosi' come lo stato di famiglia potranno essere rilasciati dall'unico ente italiano titolare delle funzioni anagrafiche, cioe' dal Comune di iscrizione AIRE.

Domande frequenti


L'Anagrafe degli Italiani Residenti all'estero

Cos'è l'AIRE?

L’AIRE, istituita nel 1988, è l’anagrafe della popolazione italiana residente all’estero. E’ parte integrante dell’anagrafe italiana e contiene i dati di tutti i cittadini che risiedono all’estero per un periodo superiore ai dodici mesi.

E' importante iscriversi all'AIRE?

E’ molto importante. L’iscrizione all'AIRE consente di:

  • garantire e facilitare l’esercizio dei diritti politici (in particolare il diritto di voto in occasione di consultazioni elettorali o referendarie);
  • programmare in modo più razionale gli interventi della Pubblica Amministrazione a favore delle comunità degli italiani residenti all’estero;
  • erogare i servizi amministrativi e gli interventi di assistenza previsti per i citadini italiani residenti all’estero.

Chi deve iscriversi all'AIRE?

Si devono iscrivere:

  • i cittadini italiani che hanno trasferito la loro residenza all’estero;
  • le persone nate all’estero che hanno acquistato la cittadinanza italiana per nascita;
  • le persone che hanno acquisito la cittadinanza italiana all’estero.

Chi NON deve iscriversi all'AIRE?

Non si devono iscrivere i cittadini che si recano all’estero temporaneamente o stagionalmente per una durata non superiore ai dodici mesi.

Come iscriversi all'AIRE?

Iscriversi all’AIRE è semplicissimo. Basta inviare i documenti necessari via email al seguente indirizzo: newyork.anagrafe@esteri.it oppure recarsi presso l’Ufficio Consolare competente e fornire le notizie anagrafiche compilando preventivamente il modulo AIRE. L'Ufficio consolare invierà quindi il modulo al Comune italiano nel quale avverrà l’iscrizione. Per l'invio dei documenti via email si consiglia di consultare le linee guida presenti su questo sito.

Ci si può iscrivere anche spedendo all'indirizzo del Consolato Generale a New York una scheda di rilevazione anagrafica e allegando:

  • Copia del passaporto italiano valido per ognuno dei membri della famiglia (per i minori iscritti sul passaporto di uno dei genitori, copia della relativa pagina);
  • Copia del titolo legale di residenza negli USA (visto, Permanent Resident Card, passaporto USA o certificato di naturalizzazione se doppio cittadino);
  • Prova della residenza (bollette elettriche, telefoniche, comunicazioni bancarie, assicurative e contratto di lavoro).

I cittadini possono anche iscriversi direttamente all’AIRE del proprio Comune italiano al momento di trasferire all’estero la propria residenza.


Come si aggiorna l'AIRE?

L’aggiornamento dipende da ognuno di noi. Ogni cittadino italiano residente all’estero deve comunicare al competente ufficio consolare:

  • il trasferimento della residenza o dell’abitazione;
  • le modifiche dello stato civile (matrimoni, divorzi, nascite, ecc.);
  • il cambiamento della qualifica professionale e del titolo di studio;
  • ogni altra modifica anagrafica.

Inoltre i cittadini italiani sono tenuti ad avvertire il Consolato quando rientrano definitivamente in Italia, quando si verifica un decesso in famiglia, quando perdono la cittadinanza italiana.

E se mi sposto nella circoscrizione di un altro Consolato?

I cittadini italiani residenti all'estero che cambiano la residenza o l'abitazione devono farne dichiarazione entro novanta giorni all'ufficio consolare nella cui circoscrizione si trova la nuova residenza o la nuova abitazione. Tale ufficio consolare provvederà ad informarne il Comune di riferimento in Italia e il Consolato presso il quale il cittadino era iscritto in precedenza.


Se cambio indirizzo all'interno della circoscrizione consolare, che cosa devo fare?

Per effettuare l’aggiornamento, e’ sufficiente inviare il formulario allegato (clicca qui) all’indirizzo e-mail newyork.anagrafe@esteri.it     



Se avete delle domande specifiche sul Vostro caso personale non chiarite dalle risposte sopra indicate, inviateci un e-mail a: newyork.anagrafe@esteri.it